Intervista a Pancrazio Toscano sul futuro della Scuola Primaria

In questa intervista, realizzata da Chiara Carletti della Fondazione Amiotti nel gennaio 2012 in Senegal, nell’ambito del Progetto “Il Sogno di Nenette” http://ilsognodinenette.wordpress.com/ promosso dall’I.C. Statale di Bassano del Grappa, Pancrazio Toscano, maestro elementare per 20 anni e dirigente scolastico per altri 20, racconta come vede il presente e il futuro (sperabile) della Scuola Primaria Italiana. Il luogo dell’intervista aggiunge significati e stimoli alla riflessione per una didattica efficace e non tradizionale nell’era della globalizzazione, per una scuola proiettata al futuro ma “ricca di memoria”.

Nella prima parte dell’intervista, Pancrazio mette il luce la necessità di una formazione permanente (una specie di “tagliando biennale”) degli insegnanti della scuola primaria, per arricchire e mantenere competenze e metodi didattici.

Nella seconda parte dell’intervista, Pancrazio parla a ruota libera del ruolo della TV, delle riserve di energia dei popoli giovani, del progresso che non deve uccidere l’identità, e soprattutto della scuola che dovrebbe incoraggiare sistematicamente la memoria, il pensiero divergente, il dubbio e il confronto tra generazioni come molla per  l’apprendimento e la cittadinanza consapevole.

?>